Banda larga: Francia e Spagna avanzano, l’Italia resta al palo

francia-spagna

L’Eliseo investe, in Spagna la banda larga entra a far parte del servizio universale: a quanto pare tutti capiscono che la tecnologia è la rampa di lancio per il futuro, tranne i nostri governanti.


Dopo la Finlandia e la Gran Bretagna, anche Spagna e Francia hanno deciso di dare una spinta alla banda larga: i rappresentanti dei francesi hanno deciso di investire buona parte degli investimenti per l’innovazione (4 milardi di euro) sulla banda larga.
 
Anche in Spagna i rappresentanti del popolo hanno capito l’importanza delle tecnologie, ed hanno deciso che a partire dal 2011 il servizio broadband entrerà a far parte del cosiddetto servizio universale; questo significa che qualunque cittadino potrà fare richiesta dell’ADSL, ed il fornitore sarà obbligato a garantire il servizio, anche se non è remunerativo (es: zone rurali, montagnose, ecc.).
 
E noi? Stiamo a guardare… erano stati stanziati 800 milioni di euro, ma sono stati bloccati